Home / blog / Tuttavia, la gestione remota dell’asma rimane un lavoro.

Tuttavia, la gestione remota dell’asma rimane un lavoro.

Tuttavia, la gestione remota dell’asma rimane un lavoro.

Inoltre, anche se si ritiene che la curcumina contenga proprietà antitumorali, alcune ricerche hanno dimostrato che potrebbe interferire con il funzionamento dei farmaci chemioterapici, forse rendendoli più forti o più concentrati. Questa interazione può essere problematica per alcune persone che desiderano utilizzare integratori di curcuma insieme ai loro trattamenti antitumorali standard.

Altri usi per la curcuma

Molte persone usano la curcuma per prevenire o curare malattie diverse dal cancro.

Alcuni sostengono che la spezia possa aiutare con:

Infezioni Artrite Calcoli renali Stomaco e dolore intestinale Malattie epatiche Patologie della pelle Depressione

Come per l’associazione curcuma e cancro, molte di queste affermazioni non sono state dimostrate e devono essere ulteriormente valutate negli studi clinici.

CORRELATO: Mangiare troppa curcuma può provocare effetti collaterali negativi?

La linea di fondo

La curcuma è una spezia popolare che può avere proprietà antitumorali e altri benefici per la salute.

Sebbene molti siti Internet affermino che gli integratori di curcuma possono curare il cancro della pelle, non ci sono prove sufficienti per supportarli. Sono necessari ulteriori studi sugli esseri umani prima che la curcuma diventi un trattamento fondamentale.

Parlate con il vostro medico prima di prendere la curcuma se avete il cancro della pelle. Non usare mai la curcuma per sostituire la terapia medica consigliata dal tuo medico.

Iscriviti alla nostra Newsletter sulla cura del cancro!

Le ultime novità sul cancro della pelle

14 fantastici filtri solari per persone di colore

Cerchi una crema solare che funzioni con la pelle scura? Ti abbiamo coperto.

Di Melba Newsome, 17 marzo 2021

Geni a rischio di cancro: tutto ciò che devi sapere su XPC

Cos’è il gene XPC?

Di Julie Marks, 5 febbraio 2021

Tutto ciò che devi sapere su PTCH1

PTCH1 è uno dei pochi geni che aumentano il rischio di cancro della pelle.

Di Julie Marks, 4 febbraio 2021

Come viene trattato il carcinoma squamocellulare cutaneo?

Se il carcinoma a cellule squamose viene diagnosticato abbastanza presto, di solito è facile da trattare.

Di Julie Marks, 18 settembre 2020

Come la radioterapia aiuta a trattare il carcinoma squamocellulare cutaneo metastatico

Questo trattamento è un’opzione per il carcinoma a cellule squamose avanzato.

Di Julie Marks, 16 settembre 2020

Rischio inferiore, pericolo maggiore: ciò che le persone di colore devono sapere sul cancro della pelle

Il cancro della pelle è meno comune nelle persone di colore, ma quando si verifica, i loro risultati sono drammaticamente peggiori.

Di Melba Newsome, 15 settembre 2020

Linee guida per la cura del carcinoma squamocellulare cutaneo metastatico

Quando il carcinoma a cellule squamose si diffonde, ci sono trattamenti che possono aiutare.

Di Julie Marks, 31 agosto 2020

Come la chemioterapia aiuta a trattare il carcinoma squamocellulare cutaneo metastatico

Se il cancro della pelle a cellule squamose si è diffuso, il medico può raccomandare la chemioterapia.

Di Julie Marks, 24 agosto 2020

Il cappello giusto può aiutare a prevenire il cancro della pelle

Scopri come scegliere un cappello che offra la migliore protezione contro i dannosi raggi UV del sole

Di Eva Kashuk, 14 luglio 2020

Cancro della pelle e gravidanza: cosa devi sapere

Ecco cosa devi sapere se ti viene diagnosticato un cancro della pelle durante la gravidanza.

Di Julie Marks, 7 luglio 2020 “

L’asma lieve può essere curata con inalatori a rapido sollievo, mentre i casi più gravi richiedono farmaci quotidiani. Phanie Sarl / Corbis

L’asma colpisce più di 25 milioni di persone negli Stati Uniti. Tuttavia, nonostante la prevalenza della malattia polmonare cronica, i miti persistono sulla condizione e sul suo trattamento.

Ecco cinque idee sbagliate comuni sull’asma e i fatti che devi sapere.

Mito: l’asma è tutto nella tua testa.

Fatto: la malattia colpisce le vie aeree, non è psicologica.

L’asma fa sì che i polmoni e il sistema immunitario reagiscano in modo eccessivo a determinati fattori scatenanti nell’aria. Le persone con asma sviluppano sintomi come tosse e senso di oppressione al petto quando l’infiammazione causa il restringimento delle vie aeree, spiega Sumita Khatri, MD, un medico adulto di pneumologia e terapia intensiva e co-direttore del Cleveland Clinic Asthma Center in Ohio. “Ci sono molti fattori scatenanti e ogni persona può averne diversi”, dice il dottor Khatri. I potenziali fattori scatenanti includono polvere, inquinamento, cambiamenti del tempo e malattie virali.

Anche se non stavi manifestando sintomi, uno sguardo alle tue cellule polmonari al microscopio rivelerebbe la condizione, afferma Stephen Peters, MD, PhD, direttore associato del Center for Genomics and Personalized Medicine Research e capo della sezione di recitazione e professore di medicina polmonare, terapia intensiva, allergia e immunologia presso il Wake Forest Baptist Medical Center di Winston-Salem, nella Carolina del Nord. “L’asma è una malattia infiammatoria, quindi questo non è un disturbo psicologico”, dice. “Detto questo, lo stress e le emozioni a volte possono esacerbare i sintomi dell’asma. “

CORRELATI: 7 sintomi sorprendenti dell’asma

L’asma può essere imprevedibile e questo è spaventoso, sottolinea Khatri. “Bisogna ricordare che avere il fiato corto e la costrizione toracica può causare un disagio significativo, e spesso la mancanza di controllo dell’ambiente circostante, che può peggiorare l’asma, può essere una fonte di stress”, dice.

Mito: gli integratori alimentari possono aiutare ad alleviare i sintomi dell’asma.

Fatto: non ci sono prove che specifici nutrienti aiutino a curare l’asma, secondo il National Center for Complementary and Integrative Health.

“In questo momento, tutto ciò che possiamo consigliare ai nostri pazienti per la salute generale è di avere una dieta ben bilanciata a basso contenuto di grassi e carni rosse e più ricca di cereali integrali, frutta e verdura”, dice Khatri.

È stata studiata una varietà di erbe e integratori, ma nessuno è stato trovato per migliorare i sintomi. Sebbene alcune ricerche preliminari suggeriscano che gli integratori di soia potrebbero aiutare le persone con asma a respirare più facilmente, uno studio pubblicato nel numero di maggio 2015 del Journal of American Medical Association ha concluso che questo nutriente non aiuta a migliorare la funzione polmonare dei pazienti asmatici.

Ma poiché l’asma è determinata da fattori diversi in persone diverse, è possibile che i progressi nella medicina personalizzata o di precisione possano aiutare gli scienziati a determinare se ci sono possibili benefici associati a nutrienti specifici, afferma il dottor Peters.

Mito: i farmaci per l’asma smettono di funzionare nel tempo.

Fatto: i farmaci per l’asma rimangono un trattamento efficace se usati regolarmente e come indicato.

Assumere la giusta dose dei tuoi farmaci aiuterà a garantire che non perdano la loro efficacia. L’asma lieve può essere trattata con inalatori a rapido sollievo che vengono utilizzati solo quando compaiono i sintomi. Le persone con asma più grave potrebbero aver bisogno di farmaci controllori giornalieri per ridurre l’infiammazione delle vie aeree, dice Khatri. “Quando l’asma è più grave, assumere farmaci solo per alleviare i sintomi non è un trattamento sufficiente; è allora che i farmaci per l’asma possono perdere la loro efficacia, perché il problema sottostante? – infiammazione delle vie aeree – non viene trattato adeguatamente “, spiega.

L’uso di inalatori a rilascio rapido più spesso del necessario o l’assunzione di una quantità eccessiva di questi farmaci può renderli meno efficaci, avverte Peters.

Mito: le persone con asma dovrebbero evitare l’attività fisica.

Fatto: l’obiettivo per chiunque soffra di asma dovrebbe essere quello di condurre una vita normale e sana, che includa un regolare esercizio fisico.

“L’attività fisica dovrebbe sempre essere un obiettivo per controllare i sintomi dell’asma e l’infiammazione delle vie aeree in modo che le persone possano rimanere attive”, dice Khatri. “L’attività fisica aiuta a mantenere i polmoni resilienti. “Fa notare che assumere regolarmente i farmaci per l’asma, o come indicato dal medico, è essenziale per raggiungere il livello di attività fisica che si spera di ottenere.

Essere attivi può anche aiutare a prevenire l’obesità, che può rendere l’asma più difficile da controllare e può rendere alcuni farmaci per l’asma meno efficaci, secondo una revisione del 2013 in Clinical Allergia sperimentale.

Mito: puoi superare l’asma.

Fatto: l’asma può migliorare con l’età, ma è una condizione permanente.

I sintomi dell’asma possono cambiare nel tempo e diventare intermittenti o scomparire. Ciò può essere dovuto a cambiamenti ambientali o cambiamenti nel corpo con l’avanzare dell’età, spiega Khatri. Aggiunge che alcune persone con asma in giovane età possono anche vederlo tornare più tardi nella vita, di solito innescato da una malattia o da un problema ambientale.

“Nessuno supera davvero l’asma”, dice. “La tendenza all’infiammazione delle vie aeree sarà sempre presente una volta che l’asma sarà stata diagnosticata. “

Per saperne di più: Adult Asthma Guide

Altro in asma

7 cibi da evitare in caso di asma

Come prepararsi per un attacco d’asma

5 condizioni di salute che possono essere peggiori con l’asma

Iscriviti alla nostra newsletter su asma e allergie!

Gli ultimi in asma

13 cose che le persone con asma dovrebbero sapere su come ottenere il vaccino COVID-19

Trova qui le risposte alle tue domande principali.

Di Sari Harrar, 30 aprile 2021

Usi un inalatore per l’asma? 11 Domande frequenti sulle linee guida di trattamento aggiornate

Le nuove raccomandazioni nazionali includono alcuni cambiamenti significativi per le persone con asma che usano inalatori. Ecco cosa c’è di nuovo.

Di Sari Harrar, 8 marzo 2021

Lo studio collega un maggiore consumo di carne con un aumento del rischio di asma infantile

Gli esperti dicono che i dati non dovrebbero ancora indurre nessuno a cambiare la propria dieta, ma è una strada promettente per ulteriori ricerche.

Di Carmen Chai, 14 gennaio 2021

Le nuove linee guida per l’asma aggiornano le raccomandazioni per l’uso inalatore, farmaci aggiuntivi e altro

Le nuove linee guida provengono da due gruppi sanitari del governo degli Stati Uniti e sono le prime nuove raccomandazioni dal 2007. Gli esperti dicono che influenzeranno in modo significativo. . .

Di Katherine Lee, 17 dicembre 2020

I idealica belen medici stanno facendo abbastanza per gestire i rischi ossei per le persone con asma che assumono steroidi?

Un nuovo studio evidenzia la necessità di linee guida più forti per gestire il rischio di osteoporosi e fratture nelle persone con asma che usano inalatori steroidei. . .

Di Don Rauf, 18 novembre 2020

Telemedicina per la cura dell’asma: vantaggi e svantaggi

La telemedicina può rendere gli appuntamenti specialistici frequenti più accessibili e, spesso, più convenienti. Tuttavia, la gestione remota dell’asma rimane un lavoro. . .

Di Abby Ellin, 21 settembre 2020

I bambini con disabilità o ritardi nello sviluppo possono avere un aumentato rischio di asma

È stato scoperto che i bambini con autismo, perdita dell’udito e altre disabilità hanno più del doppio delle probabilità di avere l’asma rispetto agli altri bambini, un nuovo grande studio degli Stati Uniti. . .

Di Lisa Rapaport, 30 giugno 2020

Produttori di salute: rendere più facile la gestione dei sintomi per i bambini con asma

Aluna è un test spirometrico a casa che misura il funzionamento dei polmoni, ma è progettato specificamente per i bambini e include un gioco per tenerli impegnati.

Di Abby Ellin, 28 aprile 2020

Una nuova ricerca suggerisce che l’asma persistente aumenta il rischio di sviluppare la fibrillazione atriale

Sono necessari ulteriori studi per determinare il motivo per cui l’asma può portare a maggiori possibilità di ictus e insufficienza cardiaca più avanti nella vita.

Di Becky Upham, 11 febbraio 2020

Lo svapo aumenta le possibilità di asma e BPCO, risultati dello studio

Coloro che fumano sia sigarette elettroniche che tabacco tradizionale corrono il rischio maggiore, secondo i dati di oltre 700.000 persone.

Di Don Rauf, 15 gennaio 2020 “

Se tu o qualcuno che ami soffre di asma, il medico potrebbe suggerire di utilizzare un nebulizzatore come metodo per somministrare il medicinale che aiuta a controllare i sintomi dell’asma. Questo trattamento opzionale per l’asma contiene lo stesso farmaco di un inalatore ma lo fornisce in modo diverso. I suoi utenti generalmente sono troppo malati o troppo giovani per inspirare profondamente e utilizzare efficacemente un inalatore.

Stai facendo tutto il possibile per gestire la tua asma?

Scoprilo con il nostro controllo interattivo.

Gli umidificatori e la tecnologia aerosol (particelle sospese nell’aria) hanno fornito farmaci per l’asma ai pazienti negli Stati Uniti sin dal 1949, quando la pratica era chiamata “inaloterapia”. “La tecnologia continua a svilupparsi e include modifiche come nebulizzatori a forma di animale per i giovani malati di asma.

Trattamento dell’asma: come funziona un nebulizzatore

Un nebulizzatore è fondamentalmente un piccolo compressore d’aria che converte il farmaco in una nebbia d’aria che puoi respirare attraverso un boccaglio o una maschera. È possibile ottenere un nebulizzatore da tavolo che si collega a una presa o un nebulizzatore portatile più facile da spostare e che può essere collegato a una presa o alimentato a batterie.

Dosi prescritte e premisurate di farmaco vengono inserite nel nebulizzatore, lo si accende e il nebulizzatore vaporizza il farmaco in modo che venga trasportato in bocca (e naso, se si usa una maschera) come una nebbia sottile, come una nebbia. La medicina quindi procede nei tuoi polmoni per fare il suo lavoro.

Trattamento dell’asma: quando un nebulizzatore diventa essenziale

Per alcuni, il nebulizzatore è più di un trattamento opzionale per l’asma. “Quando il nebulizzatore è importante è quando le persone sono troppo malate e non riescono a respirare”, afferma Richard Castriotta, MD, professore di medicina e direttore associato della Divisione di pneumologia, terapia intensiva e medicina del sonno presso Texas Medical School di Houston. “In generale, se hai la destrezza per usare effettivamente il nebulizzatore, hai la destrezza per usare un MDI [inalatore a dose misurata]. Se non riesci a respirare, dovresti essere in ospedale. “

Il National Heart, Lung, and Blood Institute (NHLBI) raccomanda i nebulizzatori per somministrare farmaci per l’asma a persone che non possono usare inalatori, come i bambini molto piccoli. Tuttavia, il dottor Castriotta afferma che alcune persone potrebbero preferire utilizzare un nebulizzatore su un inalatore. “È vero che per alcune persone c’è un effetto calmante e non sono così in preda al panico”, spiega.

Tuttavia, se non stai ottenendo sollievo dai sintomi con la dose prescritta di un nebulizzatore, dovresti contattare il tuo medico o andare al pronto soccorso.

Trattamento dell’asma: come utilizzare il nebulizzatore

Ecco alcuni suggerimenti per utilizzare un nebulizzatore per la prima volta. Verificare con il proprio medico per istruzioni specifiche e assicurarsi di leggere tutto il materiale della confezione di accompagnamento.

Familiarizza con ogni parte del tuo nebulizzatore prima di usarlo. Assicurati di stare comodamente seduto. Posizionare la maschera e respirare in modo uniforme, con respiri profondi occasionali, fino a quando il medicinale non è stato completamente vaporizzato fuori dalla tazza. Se stai usando una maschera per il viso, tienila sul naso e sulla bocca. L’NHLBI stima che l’uso di una maschera facciale dimezza la quantità di farmaci somministrati. Aspettatevi che l’intero processo richieda fino a 10 minuti. Pulire il boccaglio o la maschera facciale e il contenitore del medicinale dopo l’uso. La mancata pulizia del nebulizzatore può portare a infezioni batteriche.

Trattamento dell’asma: svantaggi dei nebulizzatori

La decisione di utilizzare un nebulizzatore dovrebbe essere presa da te e dal tuo medico. I nebulizzatori possono essere più costosi degli inalatori, a seconda della copertura sanitaria, e poiché richiedono elettricità, li rende una scelta sbagliata se la tua casa subisce spesso interruzioni di corrente.

Ed è importante sapere che mentre la stessa quantità di farmaco ti viene consegnata alla fine quando usi un nebulizzatore da tavolo o portatile, avrai una dose prescritta più alta di quella che ottieni con un inalatore perché viene depositata una quantità maggiore di farmaco. lungo la strada, dice Castriotta. In effetti, non dovresti mai prendere più della quantità prescritta, sia che usi un inalatore o un nebulizzatore, sottolinea. Ottenere una dose maggiore di farmaco significa che potresti essere più a rischio per gli effetti collaterali di un farmaco (come nervosismo, battito cardiaco accelerato o sentimenti di ansia), che variano a seconda del farmaco utilizzato.